Zeleynodoroznaja / Cernoe Ero contraddittorio. Da un lato mi piaceva che avessero il punto vita, mentre noi non abbiamo nessun punto vita; questo risvegliava in me, come chiamarla?... 'Voluttà' forse? Ma si, risvegliava in me la voluttà. Ma d'altra parte non erano state loro a infilzare Marat con un tagliacarte, e Marat era incorruttìbile, e perciò non lo si doveva infilzare. Questo già annullava ogni voluttà. Da un lato, come Karl Marx, amavo in loro la debolezza, mi piaceva il fatto che sono costrette a orinare accovacciate, ciò mi riempiva... di che mi riempiva?... di voluttà, forse? Be' si, mi riempiva di voluttà. Ma da un altro lato loro hanno preso a pistolettate Lenin. E questo di nuovo ammazzava la voluttà: se volete starvene accovacciate nessuno vi disturba, ma perché sparare a Lenin? E sarebbe comico dopo di questo parlare di voluttà... Ma torniamo al dunque.